I cocktail più celebri del 2017

Pubblicato : 12/03/2018 17:42:05
Categorie : Pensieri enologici sparsi

I cocktail più celebri del 2017

I cocktail sono prodotti molto apprezzati nei locali notturni così come nei bar più ordinari, nei primi come complemento alla serata mentre nei secondi più nella sua forma di aperitivo; grazie alle loro molteplici forme, colori e varietà si adattano bene a molteplici situazioni: veloci, gustosi e tremendamente versatili, anche nelle loro forme analcoliche.

Nella loro immensa varietà ci sarà pur qualcosa che il pubblico preferisce, no? Dei cocktail maggiormente celebri e famosi fra gli altri, che svettano maggiormente. Dunque quali sono?

Domanda per niente facile visto che da zona a zona le preferenze del pubblico possono cambiare radicalmente per molte ragioni diverse come il clima o più semplicemente la tendenza del momento. A fare questo ci pensa tutti gli anni l’autorevole rivista Drinks International che stila puntualmente una lista dei 50 cocktail più ordinati nell’anno appena trascorso ed il 2017 non fa eccezione.

Prendiamo allora in esame le prime 10 posizioni di quest’anno e vediamo i cocktail più celebri del 2017:

10 – Mojito: un classico intramontabile semplice e fresco il Mojito fa sempre la sua figura, si ottiene con rum, succo di lime, zucchero e foglie di menta. Ottimo per l’estate, si dice fosse particolarmente apprezzato dallo scrittore Hemingway.

9 – Sazerac: da noi non è particolarmente conosciuto, si tratta di un cocktail statunitense del ‘800 che ha subito rivisitazioni durante il periodo del proibizionismo. La versione moderna si ottiene con Whisky di segale, liquore Herbsaint e qualche goccia di bitter Peychaud ed è anche uno dei simboli della Louisiana.

8 – Moscow Mule: altro cocktail nato in America e tornano particolarmente alla ribalta durante l’estate dello scorso anno, si ottiene con la miscelazione di vodka e ginger beer ed è una miscela particolarmente secca e dal caratteristico sapore che pizzica grazie alla presenza dello zenzero.

Moscow Mule con Ginger beer FeverTree

7 – Margarita: un cocktail la qui origine si perde nella leggenda resta uno dei preferiti dal pubblico probabilmente grazie ai suoi sentori dolci. Si ottiene shakerando tequila, triple sec (in origine Cointreau) ed un po’ di succo di limone. Dolce e fresco, fa concorrenza al Mojito.

6 – Martini Dry: è uno dei cocktail più semplici ed apprezzato divenuto celebre anche grazie a James Bond che l’ordinava sempre “mescolato non shakerato”, è secco e fortemente alcolico grazie all’essenza di ingredienti analcolici. Si ottiene infatti con vermouth dry e gin mescolati direttamente nel bicchiere decorando con un’oliva sopra uno stuzzicadenti.

5 – Whiskey Sour: semplice e tendenzialmente dolce, si ottiene con la miscelazione di Bourbon Whiskey, sciroppo di zucchero e succo di limone shakerati insieme.

Cocktail Whisky Sour

4 – Manhattan: insieme al Martini Dry è uno dei cocktail che gode certamente di più pubblicità indiretta con citazioni a non finire nelle serie I Simpson e Sex And The City, senza dimenticare A Qualcuno Piace Caldo con Marylin Monroe. Dai sentori alcolici decisi, si ottiene con Whiskey (meglio se di segale), vermouth rosso e qualche goccia di Angostura uniti in un mixing glass.

3 – Daiquiri: Il succo di lime e di limone sono dei grandi eletti e per quanto riguarda i cocktail li si trovano in molti posti, questa miscela non fa eccezione e viene ottenuta con rum, zucchero liquido e succo di lime. Dolce e facile da bere.

2 – Negroni: “italians do it better”, al secondo posto di questa prestigiosa classifica troviamo il cocktail italiano inventato a Firenze partendo dalla base del cocktail Americano. Si ottiene miscelando Campari, Vermuth rosso e gin mescolati insieme in un bicchiere tumbler, molto richiesta anche la versione “sbagliata” che vede il prosecco al posto del gin.

1 – Old Fashioned: Non sorprende che al primo posto ci sia uno dei cocktail con più storia alle spalle, è un cocktail relativamente semplice che vede l’unione degli ingredienti direttamente nel bicchiere. Si mescolano Bourbon Whisky, zucchero (in zolletta) ed Angostura decorato con una fetta d’arancia; semplice nella preparazione ma presenta sentori più complessi, agrumati e dolci ma anche legnosi grazie al Bourbon.

Cocktail Old Fashioned

Posts correlati

Condividi questo contenuto

Aggiungi un commento

 (con http://)

loader
Attendere, grazie